Privacy Policy
Tag

Sengio Alto Archivi - Giulio Nicetto

escursione serale a Campogrosso

Aperitivo al tramonto ed escursione serale a Campogrosso – 19/07/2019

By | Escursioni

Una facile escursione serale a Campogrosso in cui gustarsi la tranquillità della natura e la magia di un aperitivo al tramonto.

Caratteristiche escursione

alcuni parametri relativi all’uscita proposta
Tipo escursione

Escursione

Durata

serale

Difficoltà

medio/facile

Dislivello

350 m

Ritrovo

ore 18:15 al parcheggio del Rifugio Campogrosso

 

Riferimento Google Maps

Passo di Campogrosso, 36076 Recoaro Terme VI

Programma

Svolgimento dell’escursione

Questa proposta nasce dall’idea di passare un venerdì sera diverso dai soliti.
Due passi nella natura per staccare dalla settimana lavorativa e per respirare un po’ di tranquillità.
Al termine di questa facile escursione rientreremo al Rifugio Campogrosso dove ci aspetterà un piacevole aperitivo illuminato dalle luci del tramonto.
Per chi vorrà sarà anche possibile fermarsi a cena.
Menù alla carta da regolare direttamente con il gestore del rifugio.

Materiale obbligatorio

Materiale e/o attrezzatura minima da avere con se per partecipare all’escursione

Per questa escursione serale a Campogrosso servono scarponcini da montagna, vestiario adeguato, acqua e zainetto.
Per conoscere il tempo previsto potete anche consultare il sito dell’ARPAV.

ACCESSORI CONSIGLIATI:
The caldo, cioccolata ed anche frutta secca.

Costo

15 € comprensivi di guida e aperitivo

Ragazzi sotto i 18 anni: 10 €

L’eventuale cena (alla carta) dovrà essere regolata direttamente con il gestore del rifugio.

Guide: Giulio Nicetto Accompagnatore di Media Montagna

Prenotazione obbligatoria

Entro le ore 18:00 del giorno prima

La prenotazione è richiesta per gestire al meglio anche la parte di logistica e organizzazione.
Telefono: 3402216433 oppure inviando una mail a info@giulionicetto.it

Scopri le altre escursioni in programma

escursione serale a Campogrosso
Escursioni

Aperitivo al tramonto ed escursione serale a Campogrosso – 19/07/2019

Una facile escursione serale a Campogrosso in cui gustarsi la tranquillità della natura e la…
Denti di Terrarossa
Trekking

Weekend al Rifugio Alpe di Tires: la magia dell’Alpe di Siusi – 13/14 luglio 2019

13/14 luglio 2019 L'incantevole paesaggio dell'Alpe di Siusi ed i magnifici panorami che si aprono…
Alpe Alba
Trekking

Weekend alla scoperta del Pasubio inedito – 19/20 ottobre 2019

19/20 ottobre 2019 Avete mai camminato sui dolci prati del Pasubio? In questi 2 giorni…
Monte Baffelan

Alla scoperta del Monte Baffelan (1793m)

By | Blog
CURIOSITA'

Monte Baffelan: tra curiosità, particolarità e storia…

Caposaldo meridionale della catena del “Sengio Alto” il Monte Baffelan è una cima tutta da scoprire: natura, storia e…approfondimenti di ogni sorta non mancano!

Inquadramento geografico:

Il Monte Baffelan (1793m) è la seconda cima, in termini di elevazione, della catena del Sengio Alto.
In termini di notorietà invece se la gioca ad armi pari con il Cornetto.
Il complesso roccioso del Sengio Alto, delimitato a nord da Passo Pian delle Fugazze ed a sud da Passo Campogrosso, separa la pianura vicentina dalla Provincia di Trento.

Curiosità: ma perchè si chiama “Baffelan“?

Innanzitutto è importantissimo dire che i toponimi di questa zona sono stati influenzati dalle popolazioni di origine cimbra.
Chi ha già percorso questi luoghi conoscerà di certo Malga Boffetal (posta lungo le pendici occidentali del Sengio Alto).
Questo termine, che si rifà ai prati che cingono la base della montagna, si è evoluto dall’antico Bolfelant.
Il significato deriva dalle parole tedesche “Wolf” e “Land” ed indicava una “terra infestata dai lupi“.
Questo nome, una volta associato a pascoli e selve, è stato via via trasferito alla cima rocciosa sovrastante la zona, attribuendole appunto il nome “Baffelan“.

La famosa parete est

Visto dalla conca vicentina il Baffelan appare come un maestoso dente che si staglia ardito verso il cielo.
La sua parete est ha rappresentato per lunghi anni il maggior problema alpinistico di queste montagne.
La prima salita la si deve ad Antonio Berti, pioniere dell’alpinismo accademico veneto, ed ai coniugi Gino e Maria Carugati che nel 1908 vinsero la maestosa “lavagna” dolomitica.
Da allora una vasta schiera di alpinisti si sono cimentati con queste rocce (non sempre solide), aprendo itinerari dalle difficoltà talvolta notevoli.
Il Monte Baffelan, per gli amanti di queste cime, resta un’icona; un’attrattiva incontrastata di avventura e bellezza.

Se avete altre domande o se volete ulteriori curiosità: contattatemi. Sarò felice di potervi dare altri appassionati riscontri.

Siete curiosi di vedere le mie proposte? .....cliccate qui

Monte Baffelan