Pralongià
Giulio Nicetto

La vostra guida

Giulio Nicetto
Telefono
+393402216433
Email
info@giulionicetto.it
Sito web
https://giulionicetto.it
ISCRIVITI

Ritrovo

Parcheggio Sarè
Strada Sciarè 17, 39036 San Cassiano in Badia BZ
Categoria

Maggiori informazioni

Continua a leggere
Codice QR

Data

19 Giu 2021

Ora

08:30 - 16:30

Costo

25€

Difficoltà

Medio/Impegnativo

Pralongià: nel cuore della Val Badia

Dislivello: 610 m; lunghezza: 15,7 km.

Nel cuore della Val Badia c’è un luogo incantevole da percorrere gustandosi ogni singolo scorcio di panorama.
L’escursione ci porterà fino al Rifugio Pralongià: un balcone naturale che offre una vista a 360° sulle montagne dolomitiche più belle del mondo.
Il livello di difficoltà è medio/impegnativo: l’escursione, malgrado non abbia difficoltà tecniche e si svolga sempre su sentieri perfetti, risulta infatti di lunga percorrenza e per gustarsela al meglio richiede un minimo di allenamento alle camminate in montagna.

Dettagli sull’escursione al Rifugio Pralongià

SVOLGIMENTO ESCURSIONE

ore 8:30 presso il parcheggio antistante al Camping Sass Dlacia.
I dettagli del luogo li trovate in calce od a sinistra alla voce “RITROVO”.

Pralongià con l’omonimo rifugio non è uno di quei luoghi dal nome altisonante come le Tre Cime di Lavaredo o il Lago Sorapìss.
Non gode di tutta questa fama e…per fortuna direi perchè il posto invece è veramente spettacolare!
Morbidi prati immersi costantemente in un panorama che spazia dalle Conturines, della zona del Parco Naturale di Fanes-Sennes-Braies, al Sassongher.

Degli itinerari presenti in Val Badia, per posizione e panoramicità, il Pralongià è quello che preferisco.
Il sentiero è sempre largo e comodo: una morbida sterrata che dapprima costeggia un bellissimo torrente e poi comincia a salire morbido tra pascoli d’alpeggio ed idilliache baite.
Un luogo dove il tempo sembra dilatarsi, un luogo dove non vorresti mai arrivare al Rifugio Pralongià.

Sia durante la salita al Pralongià sia una volta arrivati sulla facile e panoramicissima cresta che divide la valle di San Cassiano da quella di Corvara in Badia l’ambiente è grandioso e ci si sente veramente immersi nella monumentalità delle Dolomiti.
La pausa pranzo è prevista nei pressi del rifugio Pralongià così da permettere ai più golosi di gustarsi anche qualche buonissimo dolce della casa.

L’itinerario come bellezza è veramente unico!
Salendo a giugno poi le fioriture nei pascoli d’alta quota impreziosiscono ancor di più l’escursione.
Escursione che però per lunghezza non è proprio per tutti: non ci sono difficoltà tecniche, nessuna esposizione.
L’unico fattore da non prendere sotto gamba sono i quasi 16 chilometri che si percorreranno interamente a piedi.

Prevedere pranzo al sacco.

MATERIALE OBBLIGATORIO

Materiale obbligatorio:

  • mascherina e gel igienizzante
  • scarpe da trekking
  • zaino
  • vestiario adeguato
  • borraccia d’acqua
  • cappello o bandana
  • crema solare

Materiale consigliato:

  • Frutta secca
  • Acqua o thermos di the caldo
  • Cerotti Compeed per vesciche
  • Bastoncini
  • Kit pronto soccorso

PARTECIPAZIONE

Entro le ore 18:00 del giorno prima

La prenotazione è richiesta per gestire al meglio anche la parte di logistica e organizzazione.
Fino ad esaurimento posti.

Per info o adesioni potete utilizzare il pulsante “ISCRIVITI” che trovate nella sezione sopra oppure resto a vostra disposizione ai seguenti recapiti:

  • cellulare: 3402216433

L’iscrizione di gruppi di 6 persone od oltre è subordinata al versamento della caparra di 5€/persona.

COSTO TOTALE

Il costo totale dell’escursione è di 25€ a persona.

Ragazzi sotto i 18 anni: 10€.

LETTURA DEI GRADI DELLE DIFFICOLTA'

FACILE: L’itinerario si svolge su strade forestali, sterrate o facili mulattiere sempre bene indicate e senza problemi di orientamento nei casi di nebbia o cattivo tempo. I dislivelli sono contenuti entro i 300-400 metri e la lunghezza dell’itinerario è compresa nelle tre ore. Si tratta di passeggiate un po’ lunghe che richiedono una scarpa sportiva da trekking, non necessariamente la pedula o lo scarpone.

FACILE/MEDIO: L’itinerario si svolge su strade forestali, sterrate o facili mulattiere sempre bene indicate. I dislivelli sono contenuti entro i 400-600 metri e la lunghezza dell’itinerario è compresa nelle 3 – 5 ORE. Si tratta di passeggiate un po’ lunghe che richiedono una scarpa sportiva da trekking o lo scarpone.

MEDIO: L’itinerario supera decisamente le tre ore, è più complesso, si svolge su sentiero con qualche salita o discesa impegnativa ma superabile senza il supporto di attrezzatura alpinistica. Il terreno può essere sconnesso o mancare di segnali. I dislivello massimo rimane comunque all’interno degli 800 metri.

MEDIO/IMPEGNATIVO: L’itinerario supera decisamente le cinque ore, è complesso per il dislivello che supera gli 800 metri o per la lunghezza di cammino.
Si svolge su sentiero con qualche salita o discesa impegnativa ma superabile senza il supporto di attrezzatura alpinistica. Il terreno può essere sconnesso o mancare di segnali.

IMPEGNATIVO: Sono itinerari che richiedono lunga esperienza, allenamento e forza fisica da parte di chi li percorre. È necessario sapersi muovere con perizia anche nei terreni pericolosi: ghiaioni, ripidi pendii o tratti scoscesi, macchia fitta, alta e senza riferimenti, passaggi in roccia, assenza di sorgenti. La difficoltà del terreno e la distanza dai punti d’appoggio richiedono una totale autonomia. Ove indicato vi può essere la necessità di portare al seguito materiale da bivacco come la tenda, sacco da bivacco, fornello, viveri, richiede allenamento, energia e forte motivazione.

ALTRE INFO

Le persone che si presenteranno alla partenza senza il materiale obbligatorio saranno esclusi per motivi di sicurezza.
Nessun rimborso quindi sarà dovuto.

E’ facoltà della guida modificare la percorrenza del trekking in funzione delle condizioni di criticità che si dovessero verificare.
In casi di particolare eccezionalità la guida potrà anche sospendere od annullare il trekking per garantire l’incolumità dei partecipanti.

Per conoscere le condizioni meteo previste guardare il sito dell’ARPAV.

RISPETTIAMO L'AMBIENTE

Nelle nostre escursioni prestiamo attenzione anche all’ambiente in cui ci muoviamo evitando assolutamente di:

  • abbandonare rifiuti al di fuori delle normali aree di raccolta;
  • gettare qualsiasi cosa a terra: mozziconi di sigarette, fazzoletti, ecc. ;
  • creare danno o fastidio alla flora ed alla fauna del luogo;
  • porre in essere comportamenti maleducati ed irrispettosi verso le strutture usate come ristoro o ricovero notturno.
salendo al Pralongià
Conturines
panorami da Pralongià
laghetto alpino salendo a Pralongià
sentiero verso Pralongià
panorami verso il Sassongher prima di Pralongià

Per ogni ulteriore informazione o chiarimento potete contattarmi ai recapiti che trovate QUI.

X
WhatsApp chat